Questa specie è stata introdotta in Ungheria dalla Corsica e dalla Sardegna. I primi esemplari arrivarono nel 1868 nel bacino degli Carpazi, a Gyimes nella provincia Nyitra. Nel 1901 arrivò nell’Ungheria di oggi nella zona di Füzérradvány. Si trova in tutte le montagne del paese.

Diffusione in Ungheria:

Grazie ai ripopolamenti è diffuso nelle montagne ungheresi, come Mátra, Börzsöny, Bükk, Pilis, Vértes, Zemplén e le montagne di Buda. L’altezza delle ns. montagne è ottimale per il muflone. Preferisce il terreno sassoso ed i vecchi boschi, dove pascolando riesce a vedere lontano. Preferisce i boschi frondosi però è importante che trovi anche un terreno sassoso e seccho per poter consumare le unghie. Trovandosi nelle montagne, la sua caccia è una seria prestazione sportiva, ci vuole una buona costanza per abbatterlo.

Il suo trofeo sono le corna, la cosidetta chiocciola che cresce in continuazione e la sua lunghezza può arrivare anche a 100 cm, mentre la circonferenza – molto raramente – può arrivare a 24 cm. Grazie alla crescimenta periodica, sulle corna si possono distinguere gli anni, quindi si definisce bene l’età dei maschi.

Stagione venatoria:

La stagione comincia il 1 settembre. Il periodo di accoppiamento dura dalla metà di ottobre fino alla fine di dicembre. È un’esperienza favolosa abbattere il muflone desiderato nel periodo dell’accoppiamento.

 

Modalità di caccia:

La caccia al muflone si effettua alla cerca. Altri tipi di caccia a questa selvaggina non danno lo stesso risultato. Sui campi si caccia dall’altana con successo. Questa specie – come anche i cinghiali – si trova spesso in recinto.

 

Punteggi internazionali:
185,00 – 194,99 Bronzo
195,00 – 204,99 Argento
Da 205,00 Oro
Stagione venatoria:
Maschio: 1 settembre – l’ultimo giorno di febbraio
Femmina: 1 settembre – 31 gennaio
Piccolo: 1 settembre – l’ultimo giorno di febbraio